header
bg1 HOME LO STUDIO SERVIZI CODICE ETICO MEDIA F.A.Q. CONTATTI bg2

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

 
 
faq_title

le Domande più Frequenti

 

Ecco alcune domande chiave che ogni investitore dovrebbe porre al proprio interlocutore, al fine di comprendere le caratteristiche del servizio prestato, oltre che la metodologia operativa applicata.

Come viene remunerata la tua attività?
Il consulente indipendente associato NAFOP, riceve un compenso direttamente dai suoi clienti, come un avvocato o un commercialista e, come loro, emette una parcella. L’onorario deve essere stabilito prima che la prestazione del servizio di consulenza in materia di investimenti abbia inizio. Se l’operatore finanziario non è remunerato direttamente dal cliente, significa che il suo compenso deriva dalle provvigioni/commissioni incorporate nel prodotto che vende, quindi non è un consulente indipendente.

Ricevi provvigioni/commissioni/incentivi sui prodotti finanziari che mi consigli?
Il consulente indipendente associato NAFOP percepisce il compenso direttamente dal cliente. Non rappresentando un'azienda commerciale, non riceve provvigioni/ commissioni/incentivi sul collocamento di prodotti finanziari.

Quanto mi costa la tua consulenza?
Come tutti i professionisti (ad esempio commercialisti o avvocati), un consulente indipendente applica un tariffario professionale in relazione alle proprie prestazioni.

Che cosa mi consigli?
Nel caso in cui l’operatore sia un agente di vendita, questi sarà portato a “consigliare” solo i prodotti presenti nel proprio “catalogo”; solo su richiesta del cliente potrebbe eseguire operazioni indicate dallo stesso. Il consulente indipendente associato NAFOP, sceglierà solo strumenti efficienti con bassi costi e massima trasparenza.
Questo è possibile dato che il consulente non è coinvolto nel processo di vendita ed è quindi privo di ogni conflitto di interesse.

Hai un mandato di una banca/società finanziaria?
Il consulente indipendente associato NAFOP non ha mandati e lavora solo per il proprio cliente e non ha rapporti con banche/società finanziarie. Se l’operatore finanziario ha il mandato di un intermediario, il rapporto che instaurerà con l’investitore sarà “viziato” dal fatto che non avrà come obiettivo unico l’interesse del proprio cliente, ma dovrà rispondere del proprio operato anche di fronte alla società mandante.

Devi riferire ad altri del rapporto che abbiamo instaurato?
L’unico interlocutore cui il professionista deve rendere conto è esclusivamente il cliente: il rapporto fiduciario che si instaura è alla base di un percorso stabile e continuativo che permette all’investitore di avere la massima trasparenza nel raggiungimento dei propri obiettivi.

 
Via Gabbiani, 12
70051 - Barletta
Tel/Fax 0883/575558

 

avatar_pic

   
 
  
  StudioMastropasqua.com © Tutti i Diritti Riservati 2008-2013 | P. I. 03328530724 | Webdesign by Creartlab - Realizzazioni Web Barletta

CSS Valido!